Loading...

Il mondo perduto

SINOSSI

Un omaggio al grande documentarista, regista e sceneggiatore Vittorio De Seta (1923-2011) e ai capolavori che ha dedicato, tra il 1954 e il 1955, alla Sicilia e ai suoi abitanti. Cortometraggi struggenti e delicati che raccontano un mondo che c’era e che non esiste più. 

Innovatore nel campo del documentario, soprattutto nell’uso del suono in presa diretta, il regista siciliano riesce ad osservare e descrivere con potente espressività i modi di vivere e le dure condizioni dei pescatori, pastori e agricoltori della sua terra.


REGISTA

Vittorio De Seta. Regista cinematografico, nato a Palermo il 15 ottobre 1923. Documentarista innovatore nell’uso del colore, nell’abolizione quasi totale della voce fuori campo e soprattutto nell’utilizzo del suono in presa diretta, in un’epoca in cui il cinema italiano praticava quasi esclusivamente la postsincronizzazione. Nei suoi film ha dimostrato un’acuta e analitica capacità di osservazione e un senso rigoroso della composizione nel rappresentare specifiche dimensioni umane, inserite nel paesaggio socio-antropologico e nel contesto psicoanalitico-esistenziale.


PROIEZIONE

16-10-2020 16:00

Presenta: Matteo Lolletti (Direttore MTFF e Docente Unibo)

 

Lu tempu di li pisci spata (1954/11’)

 La pesca dei pescispada nelle acque che separano la Sicilia dalla Calabria.

Isole di fuoco (1954/11’) 

Gli abitanti di Stromboli devono fare i conti col temibile vulcano pronto a eruttare.

Sulfarara (1955/10’) 

La dura giornata di lavoro dei minatori vissuta dall’alba fino al tramonto.

Pasqua in Sicilia (1955/11’)

In tre paesi la Pasqua viene festeggiata con giorni di celebrazioni e travestimenti.

Contadini del mare (1955/10’): Dei pescatori passano la giornata in mare alla ricerca di tonni.

Parabola d’oro (1955/10’)

 In una tipica giornata estiva i contadini falciano il grano con mezzi primitivi.

 

Clicca qui per iscriverti gratuitamente su eventbrite.it

 

Prenota un tavolo
Dettagli contatto
pulvinar at vel, mi, ut ipsum dapibus accumsan